Summer Tips #4 Cinque consigli per il perfetto beauty da aereo!

Buongiorno ragazze, come molte di voi sapranno tra pochi giorni parto per l’Olanda! Anzi mentre voi starete leggendo questo post, io gi√† mi trover√≤ li, tra i canali di Amsterdam e i mulini a vento. Cos√¨ nonostante gli ultimi giorni di totale nullafacenza, visto che la partenza si avvicina sempre di pi√Ļ, oggi ho deciso di iniziare a organizzarmi; e da cosa potevo partire, se non dal beauty per l’aereo? Ecco, adesso iniziano i problemi, non sapevo proprio da dove incominciare, ma con qualche ora di riflessione sono arrivata alla soluzione, e ho capito che bastano poche regole per creare un beauty all’insegna della praticit√†, da portare anche nel bagaglio a mano!


Ecco dunque i miei 5 consigli per il perfetto beauty da aereo:

1. Basta sempre il minimo indispensabile
Sar√† una cosa ovvia, penserete voi, ma quante volte ci √® capitato di portarci dietro troppa roba e¬†usarne poi la met√†!? A me spessissimo, e ogni volta capisco di aver esagerato. Tanto soprattuto se andiamo al mare o in una grande citt√†, in estate ci si trucca sempre poco, e anche se non bisogna rasentare l’indecenza, per essere carine e presentabili bastano veramente poche cose: correttore, mascara, cipria, un blush in crema e due prodotti labbra e ci siamo! Stessa regola vale anche per i prodotti per l’igiene personale: contate i giorni in cui sarete via e in base a questi decidete cosa portarvi; lasciate a casa sieri, contorni occhi e acque micellari, baster√† il sapone per il viso e la crema idratante, ok per qualche giorno la vostra pelle potrebbe risentirne, ma viaggerete molto pi√Ļ leggere!

2. Scegliete i prodotti giusti
Non andate nel panico, non iniziate a ficcare di tutto dentro il beauty, mega flaconi e quant’altro, anche perch√©, se come me avete solo un bagaglio a mano, dovrete rispettare il massimo quantitativo di 1 litro di liquidi. Piuttosto ragionateci su, magari iniziando qualche giorno prima, in modo da avere il tempo di acquistare ci√≤ che vi manca e che non avete in casa.
Ormai saprete anche voi che nei negozi pi√Ļ forniti (sicuramente da Upim!) potete acquistare tantissimi mini taglie dei prodotti pi√Ļ conosciuti, ma volevo segnalarvi che nell’ultimo periodo pi√Ļ di un brand¬†si sta impegnando per facilitare la vita a noi poveri viaggiatori:

 

 

 

  • Yves Rocher ha da poco messo in¬†commercio la nuova linea di bagno doccia concentrati, che non solo sono perfetti per chi¬†si impegna nel rispetto del pianeta e odia gli sprechi, ma con la¬†loro taglia da 100 ml, anche per chi deve affrontare un viaggio in aereo. Grazie alla collaborazione che ho intrapreso con questo marchio, ho avuto modo di provare la profumazione energizzante al mango e coriandolo, buonissima e super estiva!

 

 

 

  • Lush ci propone tutta una linea per i viaggi estivi, con dentifricio in polvere “TOOTH FAIRY”, collutorio in pastiglie “CREME DE MENTHE” e deodorante solido “TEODORO”, che sono curiosissima di provare. In pi√Ļ da anni utilizzo i loro shampoo solidi, che come una saponetta si passano tra le mani umide e rilasciano una schiuma morbissima per insaponare cute e capelli: tra questi √® appena¬†uscita la nuova formulazione di “NEW”, shampoo¬†alla cannella, che da oggi ha in pi√Ļ ha dalla sua di essere completamente cruelty free!

                                                                                                                                                  

3. Anche la scelta del beauty in se può essere fondamentale
Io che per prima mi ritengo un’accumulatrice seriale, a casa sono piena di beauty, beautini, sacchette e pochettine, ma quando viaggio la mia scelta ricade sempre sullo stesso beauty di Ikea. Secondo me, scegliere un beauty comodo e pratico √® di fondamentale importanza, certo rallegrarsi la mattinata con fiorellini e scritte deliziose talvolta ci svolta la giornata, ma ritengo¬†che ognuna di noi in viaggio pensi a tutt’altro piuttosto che di non volersi alzare dal letto. Secondo me ogni beauty da portarsi in aereo deve avere delle caratteristiche non sottovalutabili: deve essere poco ingombrante ma spazioso, l’interno deve essere foderato e impermeabile, le zip si devono chiudere perfettamente e ovviamente pi√Ļ resistente √® meglio √®!

 

4. Conservate i campioncini
Oh campioncini, adorati campioncini! E chi come me non ne va matta? Io li tengo sempre da parte e appena ne ho la necessit√†, ecco che inizio a frugare alla ricerca di quello perfetto per quel viaggio! I miei preferiti sono ovviamente shampoo e balsamo, infatti dopo tanti viaggi ho capito che portare grandi confezioni di questi prodotti non sia necessario; alla fine, anche in un viaggio di una settimana lavo i capelli al massimo tre volte, cos√¨ due/tre bustine di uno e dell’altro sono pi√Ļ che sufficienti. E se non potete fare a meno delle vostre routine, secondo me anche campioncini di crema idratante per il corpo e per le mani possono essere di valido aiuto!

 

5. Un po’ di organizzazione non guasta mai: la lista
Fare le liste, qualcuno ha parlato di liste, io adoro fare le liste, certo molto pi√Ļ spesso nella mia testa (si, sono brava a imparare a memoria, ????), ma anche scritte non mi dispiacciono. Secondo me una lista di cose necessarie, da spuntare un po’ per volta quando inserite nel beauty, e che tenga conto di cosa si ha e di cosa si deve invece acquistare, pu√≤ essere la soluzione giusta per partire con la certezza di avere tutto il necessario con noi, senza cose in eccesso! Eviteremo cos√¨ di portarci dietro flaconi gi√† aperti e quasi finiti perch√© in casa all’ultimo secondo non c’era niente che andasse bene al loro posto, o che in valigia manchi proprio quel prodotto indispensabile e senza cui non si pu√≤ proprio sopravvivere, il deodorante ad esempio!

Magari un paio di questi consigli vi sembreranno scontati, ma, almeno personalmente, mi capita molto pi√Ļ spesso di non pensarci piuttosto che avere in testa da subito il piano d’azione da mettere in atto!
Spero di esservi stata d’aiuto nella preparazione del vostro beauty perfetto!
Un bacio e buoni viaggi,
Giò

Continue Reading

Weekend in Abruzzo

Buongiorno, buon 25 Aprile a tutti!

Finalmente mi sono decisa a tornare a scrivere, forse la mia pausa è stata dettata proprio dal fatto che sapevo che il prossimo articolo sarebbe stato questo, e avevo proprio paura di non riuscire a riportarvi scrivendo tutto quello che ho avuto modo di provare durante questo viaggio. Ma eccomi qui, convinta e partiamo.

Un mesetto fa con il mio ragazzo abbiamo deciso di trascorrere un weekend in Abruzzo, per conoscere meglio questa splendida regione che nonostante ci sia cos√¨ vicina, abbiamo girato sempre troppo poco. Ne sono rimasta profondamente colpita, penso che sia uno di quei luoghi talmente ricchi sia dal punto di vista naturalistico che culturale, che per poterlo conoscere completamente ci vorrebbero anni: sia camminando in un paesetto, sia passeggiando¬†in un bosco, ma semplicemente anche viaggiando in macchina, ovunque giri lo sguardo rimani completamente estasiato dallo scenario che ti circonda. E’ una terra selvaggia, che √® stata rispettata dalle attivit√† umane: il bosco che prevale sui centri urbani, gli agglomerati di case che compaiono lungo la strada ma lasciano sempre spazio agli occhi¬†per¬†perdersi nei panorami. Certo, ho ancora visto ben poco, ma non vedo l’ora di ritornare l√¨, per conoscere tutto ci√≤ che mi manca.

In questo articolo vorrei darvi quante pi√Ļ informazioni possibili sul viaggio, sui luoghi che abbiamo visitato, sui ristoranti dove abbiamo mangiato e dove abbiamo pernottato, in modo da esservi d’aiuto in caso anche voi voleste intraprendere¬†un itinerario del genere. La cosa molto carina che ho potuto riconoscere durante questi quattro giorni, √® che che comunque, ovunque voi vi fermiate c’√® sempre qualcosa da visitare l√¨ vicino, e in questo modo gli itinerari possibili sono infiniti e sempre ricchissimi!

Ho deciso di parlarvi di giorno per giorno, in modo da essere pi√Ļ schematica e accurata!

 

IMG_1745

 

Giorno 1 – Gita alle gole di Celano e arrivo in albergo

Il primo giorno abbiamo deciso, partendo da Roma, di muoverci presto e di fare una tappa intermedia prima di arrivare alle pendici del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, la nostra meta ultima. Cos√¨ ci siamo fermati al Parco Sirente Velino e abbiamo visitato le Gole di Celano. Si tratta di uno splendido percorso di trekking, piuttosto semplice, tranne una parte pi√Ļ scomoda da superare ma veramente molto breve, che si estende lungo le gole che collegano Celano con Ovindoli. Ha un tempo di percorrenza medio, ma sfortunatamente ci siamo dovuti fermare prima del previsto a causa dello scioglimento delle nevi; anche questo particolare ha dato¬†i suoi effetti positivi: non sapete quanto sia suggestivo camminare nelle gole, con il rumore dall’acqua che scorre e delle cascate, e spesso dover attraversare il ruscello. Vi consiglio moltissimo questa passeggiata, secondo me anche raggiungibile da Roma in giornata.

Vi lascio il link con i dettagli del percorso http://www.parcosirentevelino.it/itinerari_dettaglio.php?id_iti=1305

 

IMG_1644          IMG_1646

 

IMG_1637
IMG_1647

 

Tornando indietro abbiamo continuato per poco lungo un percorso alternativo, che¬†vi troverete all’andata sulla destra. Se non siete molto allenati non prendetelo perch√© √® difficilissimo, con una notevole pendenza. Dopo mie innumerevoli suppliche ci siamo fermati, abbiamo guardato il panorama per qualche minuto, in quanto da lass√Ļ potete vedere tutte¬†le montagne che delimitano le gole, e siamo tornati indietro sui nostri passi.

 

IMG_1653

 

IMG_1656

 

 

La sera dello stesso giorno abbiamo raggiunto il B&B. Abbiamo scelto di soggiornare a Barisciano, un paesino poco lontano dall’Aquila e a pochi minuti dal limite con il Parco. Prenotando con Booking, ci √® venuto sott’occhio il delizioso “Palazzo la Loggia”, un antico palazzo al centro di Barisciano restaurato come¬†B&B. I prezzi modici, la gentilezza del proprietario e la ricerca dei particolari nell’arredamento ne fanno un posto dove vi consiglio vivamente di soggiornare (inoltre anche la pulizia √® eccellente, cosa per me non sottovalutabile!), unica pecca: la colazione in inverno, giustamente, a causa dei pochi ospiti √® gestita da un bar che si trova nella piazzetta dietro la struttura; quindi ahim√® niente abbuffate da colazione in albergo che ci eravamo promessi di fare.

Vi lascio il link del loro sito Р http://www.palazzolaloggia.it/

 

IMG_1722   IMG_1720

 

 

Giorno 2 – Rocca Calascio e passeggiata all’Aquila

Dopo una magra colazione quindi (scherzo ovviamente :D) ci siamo diretti verso Santo Stefano di Sessanio per raggiungere il centro informazioni del Parco, e fare una passeggiata per questo splendido paesino, che rispetto a Barisciano continua a mantenere le caratteristiche di una volta, con piccoli vicoli in cui perdersi e casine di roccia. La vista da qui √® pazzesca, potete vedere i monti innevati che si estendono dall’altro lato della vallata.

 

IMG_3453

 

Grazie alle valide indicazione della guida ci siamo diretti verso Rocca Calascio, ma invece di andare in macchina, abbiamo fatto il percorso che dalla strada vi permette di prendere un sentiero e raggiungerla in poco meno di due ore a piedi, passando nella vallata. Anche in questo caso si tratta di un percorso semplice, con una salita modesta solo nella parte finale. In inverno vi consiglio di andare armati di scarponi da trekking perch√© potreste incontrare neve durante la passeggiata. La Rocca √® veramente spettacolare, questa struttura in pietra che si erge sopra il paesino di Calascio, al centro della vallata, e dalla quale quindi avete la possibilit√† di vedere un panorama a 360¬į. Anche il paesino sottostante √® delizioso, dove sono presenti locali per¬†ristorarvi dopo il percorso. Arrivarci a piedi¬†seguendo il cammino¬†√® davvero emozionante, in quanto poco a poco, camminando, la Rocca inizia a fare capolino davanti ai vostri occhi, e pian piano si avvicina fino ad essere proprio sopra di voi.

Dal numero di foto che ho scattato si capisce subito di quanto io mi sia innamorata di questo luogo, non potevo farci niente: ogni scorcio era fantastico e il sole che si rifletteva sulle pietre e dava vita a mille giochi di luce mi ha incantato.

IMG_1664

 

IMG_1680

 

IMG_1679

 

IMG_1677

 

IMG_1689

 

IMG_1692

 

IMG_1681

 

IMG_1702

 

IMG_1700

 

IMG_1690

IMG_1663

 

Quella stessa sera, dopo un lungo riposo in albergo, abbiamo deciso di fare una passeggiata all’Aquila. Per me non era la prima volta che visitavo questa citt√†, in quanto, essendo mia madre abruzzese di origine, ho avuto gi√† modo di vederla. Ma non c’ero pi√Ļ passata da prima del¬†terremoto. Mi √® molto dispiaciuta vederla cos√¨, ma allo stesso tempo mi ha fatto molto piacere notare di quanto stia rinascendo, che ogni cantiere di oggi sar√† una nuova casa di domani, e che nonostante tutto fosse piena di giovani che si aggiravano per il centro di sabato sera. Dopo un piccolo aperitivo a base di arrosticini in piazza, abbiamo cenato nella “Locanda Aquilana Da Lincosta”, un ristorantino semplice, dai sapori abruzzesi ma trattati con raffinatezza, prezzi medi e tanta gentilezza da parte dei gestori.

Locanda Aquilana da Lincosta –¬†https://www.tripadvisor.it/Restaurant_Review-g194790-d3454647-Reviews-Locanda_Aquilana_da_Lincosta-L_Aquila_Province_of_L_Aquila_Abruzzo.html

 

Giorno 3 РLago di Campotosto 

Il terzo giorno del nostro piccolo viaggio abbiamo deciso di allontanarci un pochino da Barisciano, per raggiungere il lago di Campotosto e i sentieri circostanti. Il lago offre uno scenario molto bello: essendo ancora inverno quando siamo andati, si presentava come un specchio in parte ghiacciato, completamente racchiuso in un cingolo di montagne innevate. ¬†Passando al di sopra del ponte che permette di raggiungere Mascioni, si pu√≤ arrivare sull’altra sponda, dove troverete delle piccole piazzole sulla sinistra per parcheggiare l’auto e scendere a passeggiare proprio sul lungo lago.

 

IMG_1704

 

IMG_1709

 

IMG_1714

 

IMG_1707

 

Della restante parte di questa giornata posso dirvi ben poco: scelto uno degli itinerari che si trovano al vicino Lago di Provvidenza, e averlo iniziato, abbiamo passato il pomeriggio a perderci nei boschi: penso fossero anni che non veniva sistemato! Continuando il percorso la segnaletica veniva a mancare e cominciavamo per forza di cose a girare in tondo. Cos√¨ dopo qualche ora, abbiamo abbandonato la nostra ricerca, e¬†seduti su un tronco, ci siamo goduti la¬†nostra bella porzione¬†di Torrone dei Fratelli Nurzia, comprato la sera prima all’Aquila.

 

Giorno 4 Р ciaspolata a campo imperatore

L’ultimo giorno √® stato uno dei miei preferiti, ho ciaspolato per la prima volta nella mia vita, e devo dire che √® stata un’esperienza davvero interessante: si cammina senza sosta raggiungendo punti dove senza ciaspole sarebbe impossibile arrivare, e si ha il tempo di guardarsi intorno e pensare nel pi√Ļ completo silenzio che ti circonda. In poco tempo da Barisciano si ¬†pu√≤ raggiungere ¬†Campo Imperatore, ma state sempre attenti alle strade bloccate dalla neve, qualche volta possono non essere segnalate! Cos√¨ abbiamo dovuto parcheggiare e continuare ciaspolando prima fino al Lago di Racollo che era ghiacciato, ma che in estate circondato dalla piana verdeggiate deve essere delizioso, e dunque abbiamo continuato per un po’ dirigendoci verso le montagne davanti a noi. La vista √® fantastica, intorno a noi solo bianco, montagne innevate e pace. Certo, la prossima volta prometto di ricordarmi la protezione solare!

 

IMG_1741

 

IMG_1731

 

IMG_1732

Non contenti di tornare a casa, la sera, sulla strada del ritorno abbiamo deciso di cenare insieme prima di separarci per tornare alle rispettive case. Cos√¨ cercando su tripadvisor ho scovato un ristorante trattoria che devo assolutamente segnalarvi: si chiama ” Da Rossella” e si trova a Tufo, quindi ancora in Abruzzo. Entrando potrebbe non darvi proprio un’ottima impressione, ma vi consiglio di assaggiare i loro primi piatti (dividendo una porzione in due, perch√© sono veramente gigantesche), tutti a base di pasta fresca fatta in casa e conditi con sughi tipici del territorio: una squisitezza.

Vi lascio il link della loro pagina su Tripadvisor Р https://www.tripadvisor.it/Restaurant_Review-g5567462-d5531396-Reviews-Da_Rossella-Tufo_Carsoli_Province_of_L_Aquila_Abruzzo.html

 

Conclusa cos√¨ la mia narrazione, sono contenta di aver rivissuto quei momenti nello scrivere questo articolo. Per gli amanti della natura come lo sono io l’Abruzzo √® un territorio meraviglioso, e spero il prima possibile di poter tornare, una volta finita la stagione delle nevi, per passeggiare anche nella parte nord del parco, sui Monti della Laga.¬†Ho capito che √® una terra a cui sono molto affezionata, e che si presenta facile da amare, grazie alla sua bellezza ma anche all’accoglienza che ho sempre trovato nei suoi abitanti, alle sue tradizioni e alla cultura che porta avanti.So che magari in questo momento molti di voi sono proiettati verso viaggi estivi con spiagge e mare, per√≤ vi consiglio di passare anche solo un weekend in questi luoghi, che con il sole e ¬†il caldo devono essere fantastici.

Spero di avervi fatto sognare ad occhi aperti almeno un decimo di quanto lo stia facendo io in questo momento, e di essere riuscita a riportarvi almeno in parte le emozioni che ho provato io durante questi giorni.

Vi mando una bacio

Giò

 

 

Continue Reading